Assicurazione auto storiche, costi, norme e vantaggi

Settore: assicurazioni
Data inserimento: 20 novembre, 2015

auto-storicheLe auto storiche, ovvero quei veicoli con più di 20 anni, iscritti all’Asi, Automotoclub Storico Italiano, godono, in ambito assicurativo, di una serie di agevolazioni, di prezzi competitivi rispetto a quelli previsti per la stipula di polizze tradizionali.  Prima di tutto, però, è necessario fare una doverosa distinzione: le auto storiche non sono le auto d’epoca, in quanto quest’ultime  sono considerate dalle assicurazioni quelle radiate dal Pra ovvero i cimeli da museo o i mezzi destinati a circolare solo in determinate manifestazioni, dietro autorizzazione specifica e per le quali l’assicurazione giornaliera può risultare quella maggiormente conveniente.

Cose utili da sapere. Quando viene assicurata un’auto storica questa non accede alla classe di merito del tipo bonus-malus bensì acquisisce una classe di merito fissa. In molti casi c’è il riconoscimento della guida libera  cioè chiunque può mettersi al volante del mezzo. Per quanti possedessero, invece, una collezione di auto storiche, i vantaggi sono maggiori in quanto le assicurazioni prevedono la formula garage, con la quale si assicura l’intero parco a propria disposizione, beneficiando in questo modo di prezzi competitivi e condizioni vantaggiose poiché al premio su un mezzo si sommano delle quote minime per ciascun veicolo aggiuntivo. Per quanto riguarda i documenti necessari per la sottoscrizione di una polizza assicurativa su un’auto storica, oltre alla documentazione tradizionale richiesta per la stipula, è necessario produrre anche l’iscrizione a un registro storico, nel caso in cui l’auto abbia più di vent’anni. Infine, prima di stipulare la polizza assicurativa su un’auto storica è, inoltre,  buona norma leggere attentamente le clausole contrattuali soprattutto se si intende utilizzare il veicolo per uso quotidiano.  In linea di principio, infatti, le assicurazioni vengono offerte dalle compagnie per mezzi che si ritiene non percorrano molti chilometri all’anno. Per questo motivo è bene verificare quali possono essere le conseguenze nel caso si restasse coinvolti in un incidente  al di fuori della soglia chilometrica proposta dalla compagnia.

assI costi. Per stipulare la polizza assicurativa maggiormente adatta alle proprie esigenze è sempre buona regola effettuare preventivi con diverse compagnie per poi avere la possibilità di valutare i prezzi più convenienti. Per farsi un’idea, però, è buono sapere che per i veicoli storici con una cilindrata fino a 2080 cc, e per moto con una cilindrata fino a 400 cc, l’assicurazione di un mezzo può costare in alcuni casi all’incirca 105 euro. Cifra a cui va aggiunto il contributo per il servizio sanitario nazionale e le imposte. Se il veicolo da assicurare ha una cilindrata superiore ai 2080 cc o la moto sia con cilindrata superiore ai 400 cc, il prezzo sale a circa 150 euro. In caso si avesse la possibilità di usufruire della formula garage, invece, l’assicurazione di un secondo veicolo e dei successivi in aggiunta al primo, costerà tra i 21 e i 30 euro, a seconda della cilindrata.

Di Alessandro Casta

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Alessandro Casta

Argomenti trattati: , ,

Lascia un Commento