Assicurazioni, contro le frodi il tagliando diventa elettronico

Settore: assicurazioni
Data inserimento: 19 marzo, 2015

Assicurazioni-Dematerializzazione-ImcSemplificare e snellire il mondo delle assicurazioni auto nonché creare uno strumento di deterrenza alle frodi collegate con la falsificazione degli attestati di rischio: sono queste le finalità a cui mira l’introduzione del tagliando elettronico che sostituirà quello cartaceo. Frutto dell’art. 134 del Codice delle assicurazioni, così come modificato dall’art. 32, comma 2, del DL. 24/01/2012, convertito in L. 24/03/2012, n. 27, la “dematerializzazione degli attestati di rischio” porterà una serie di vantaggi sia per gli assicurati che per le stesse compagnie.Primo tra tutti il risparmio economico, che si otterrà grazie alla riduzione della carta stampata e dei costi postali per la consegna dell’attestato.

L’utilizzo di strumenti informatici, inoltre, non solo porterà ad una semplificazione delle modalità di archiviazione, ma anche ad una maggiore rapidità ed efficacia nelle comunicazioni tra imprese e clienti, rendendo più snello il processo assuntivo del ramo RC auto, ma anche sollevando gli assicurati dall’adempimento, fino ad oggi a loro carico, di consegna dell’attestato di rischio all’assicuratore in sede di stipula del contratto. Infine, la dematerializzazione dell’attestato di rischio si rivelerà un importante strumento per contrastare le frodi ovvero impedirà la falsificazione degli attestati cartacei.

Com’è facile immaginare il nuovo regolamento, la cui entrata in vigore si riferisce ai contratti in scadenza dal 1 luglio 2015, avrà un notevole impatto organizzativo legato all’adeguamento da parte delle compagnie delle procedure informatiche necessarie, per questo motivo è stata stabilita, come termine ultimo, per adempiere a tali obblighi la data del 31 ottobre 2015. Per supportare al meglio, inoltre,  gli assicurati poco pratici nell’utilizzo di strumenti informatici è previsto che, qualora abbiano stipulato un contratto di assicurazione auto tramite intermediari, possano ottenere da quest’ultimi una stampa dell’attestato di rischio.

Quali sono le principali novità normative recepite nel nuovo regolamento. Il contenuto dell’attestato di rischio deve prevedere l’indicazione della tipologia del danno pagato, specificando se trattasi di soli danni a cose, di soli danni a persone o misti (sia cose sia persone); obbligo per le compagnie di assicurazione di inserire in una banca dati elettronica le informazioni riportate negli attestati di rischio; obbligo di consegna dell’attestato agli assicurati in forma elettronica, in luogo dell’attuale rilascio in forma cartacea al domicilio degli stessi. Sui tempi di consegna del tagliando elettronico la normativa prevede: deve avvenire almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto. L’obbligo di consegna si considererà assolto quando il tagliando sarà a disposizione dell’utente nell’area riservata del sito web dell’impresa, attraverso la quale ciascun contraente potrà accedere alla propria posizione assicurativa. E’ previsto, inoltre, che il contraente possa richiedere modalità di consegna telematiche aggiuntive, come posta elettronica, app per smartphone o tablet, social network.

Per supportare le parti durante l’introduzione della nuova regolamentazione è sceso in campo l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni che ha istituito un apposito tavolo tecnico con l’ANIA ed i rappresentanti di diverse imprese al fine di acquisire osservazioni e proposte che diano ai clienti maggiori garanzie e misure. Le osservazioni e proposte dovranno essere inviate all’IVASS entro il 6 aprile 2015 all’ indirizzo: attestato_di_rischio@ivass.it

 

Di Alessandro Casta

 

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Alessandro Casta

Lascia un Commento