Assicurazioni, in arrivo un’App per risparmiare sulla polizza

Settore: assicurazioni
Data inserimento: 22 giugno, 2016

rc-auto-nuova-assicurazioneSe essere prudenti alla guida non basta, i consumatori potrebbero presto risparmiare sulla polizza RC Auto grazie ad un’app. Stando a quanto riportato in una newsletter del Garante per la protezione dei dati personali, come si legge su Facile.it: “Le compagnie assicurative potranno, infatti, attivare un’app per monitorare lo stile di guida dei clienti che decideranno di installarla sul proprio smartphone e proporre ai più prudenti e attenti al Codice della Strada dei buoni sconto per l’acquisto di polizze RC Auto”. I guidatori interessati potranno, quindi, scaricare gratuitamente l’applicazione sul proprio cellulare,che non solo sarà, poi, in grado di attribuirgli, in base allo stile di guida rilevato, un diverso punteggio, ma gli permetterà anche di essere, in ogni momento, informati sui luoghi in cui si siano verificati eventi potenzialmente rischiosi.

Finalità. “Promuovere modalità di guida più sicure, contribuire a un minor consumo di carburante e soprattutto offrire l’opportunità ai guidatori virtuosi, che abbiano raggiunto un certo punteggio, di ottenere eventuali risparmi per l’acquisto di una polizza RC auto”: sono questi gli obiettivi delle compagnie di assicurazioni che dovranno però anche garantire ai clienti la tutela della privacy. È questa l’unica limitazione posta dal Garante che richiede: “sia fornita agli automobilisti che decideranno di installare l’app un’informativa chiara che riporti con precisione quali dati personali saranno trattati e per quale finalità. “Indicazioni che non dovranno limitarsi a riportare generici riferimenti al monitoraggio dello stile di guida, ma dovranno specificare i parametri su cui sarà basata la profilazione del guidatore, come il tipo di strada percorsa, le accelerazioni e le frenate brusche o l’eventuale superamento della velocità consentita”.

Altre limitazioni. “Il partner tecnologico coinvolto nella fornitura del servizio, inoltre, non potrà conservare i dati sulla geo-localizzazione dei guidatori per più di 90 giorni; potrà trasmettere alla compagnia assicuratrice informazioni statistiche sulle strade percorse solo dopo aver reso anonimi i dati, eliminando così ogni riferimento agli automobilisti. I dati necessari a contattare gli utenti che manifesteranno uno specifico consenso alla profilazione del loro stile di guida per finalità di marketing potranno invece essere conservati dalla compagnia assicuratrice al massimo per un anno”. Per il Garante, dunque, le compagnie “attivare l’app, ma solo dopo averla modificata per garantire maggiormente la riservatezza degli utenti”.

Di Alessandro Casta

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Alessandro Casta

Lascia un Commento