Bollette. Addio al pagamento di more ingiuste, presto obbligatoria la data di spedizione

Settore: editoriali energia
Data inserimento: 7 settembre, 2018

pagamentiA molti consumatori sarà, probabilmente, capitato di ricevere bollette già scadute e di essere costretti a pagare interessi di mora per colpe non proprie. Presto questo spiacevole inconveniente potrebbe, però, essere soltanto un lontano ricordo, grazie ad un provvedimento a cui sta lavorando l’Agcom, secondo il quale: Poste Italiane e tutti gli operatori del servizio postale saranno obbligati a indicare sulle bollette la data di spedizione agli utenti.

Previsto dalla legge di Bilancio 2018, il provvedimento dell’Autorità pubblica per le telecomunicazioni, avrebbe come scopo quello di limitare le controversie tra gestori dell’energia e clienti finali. Capita spesso, infatti che agli utenti vengano recapitate bollette già scadute e siano costretti a pagare senza riuscire neanche ad individuare di chi sia la colpa del mancato recapito a causa di un rimbalzo di responsabilità tra gli operatori di energia, che possono sostenere di aver inviato le bollette con congruo anticipo, e le Poste.

Un problema che dovrebbe essere risolto proprio grazie al provvedimento dell’Autorità che obbliga all’indicazione della data che dovrà essere stampata su etichette cartacee. Per quanto riguarda i tempi di attuazione, entro il 25 settembre i consumatori interessati potranno inviare le proprie osservazioni ad Agcom, poi il provvedimento passerà al ministero dello Sviluppo Economico che dovrà adottare il regolamento e renderlo operativo.

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Miriam Capuano

Argomenti trattati: , , , ,

Lascia un Commento