Bollo auto, chi deve pagare e chi è esente

Settore: assicurazioni
Data inserimento: 8 aprile, 2016

bolloIl Bollo d’auto, tassa di proprietà, dev’essere pagata dagli automobilisti per poter circolare nel traffico, ma ci sono delle eccezioni. I possessori di una quattro ruote ibrida, per esempio, non dovranno pagare il bollo per tre anni se residenti in Lombardia, Campania, Lazio, Veneto ed Emilia Romagna e per cinque se sono invece residenti in Puglia e Basilicata. Per coloro che hanno un’auto a Gpl, invece, l’esenzione sarà applicata per i primi 5 anni a partire dall’immatricolazione, ma per chi vive in Lombardia, Basilicata, Liguria e Piemonte. Mentre in Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Molise, Puglia, Sardegna, Toscana, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Veneto si pagherà solo un quarto.

 Per soggetti con disabilità. Sono esenti dal pagamento del bollo le vetture per disabili. Quindi sia Il diversamente abile sia l’accompagnatore, familiare o meno che ha carico tali soggetti, con macchine e moto fino a 2.000 cc con motore a benzina e fino a 2.800 cc con motore a diesel godono dell’esenzione totale.

Per le auto storiche, invece, la normativa di riferimento per tutte le regioni italiane prevede l’esenzione dal pagamento del bollo solo per veicoli con età pari o superiore ai 30 anni. Nel caso in cui, però, l’auto venga utilizzata per circolare su strada pubblica l’automobilista è dovuto al pagamento di una tassa forfettaria pari a 28,40 euro per le auto e 11,36 euro per le moto.

Di Alessandro Casta

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Alessandro Casta

Lascia un Commento