Casa, come comprarne una

Settore: banche
Data inserimento: 8 agosto, 2014

casaAcquistare casa è un sogno per molte persone, ma per altrettante può diventare un vero e proprio incubo soprattutto se non si ha a disposizione l’intera somma occorrente. Allora cosa fare? Sono diverse le Regioni che aiutano, in modo particolare le giovani coppie, che vogliono mettere su famiglia, bandendo dei concorsi per l’assegnazione di buoni casa o contributi sugli interessi. Certo bisogna considerare che, in base ai parametri previsto dal bando, le graduatorie vengono stilate in base ad una serie di fattori come il reddito della famiglia ed i carichi familiari, per esempio. Ad aggiudicarsi i contributi regionali risultano, così, coloro che hanno dichiarato un reddito molto basso che nei casi in cui fosse reale non permetterebbe alla coppia neanche la possibilità di potersi accollare un mutuo.

In alternative si può ricorrere alle banche, che, però, sono disposte a prestar, anche fino all’80 per cento del valore della casa, ma solo agli acquirenti che fossero in grado di offrire sufficienti garanzie. In altre parole: i soldi vengono prestati solo a chi ha già i soldi. Gli istituti di credito fanno un ragionamento molto semplice: se uno è un lavoratore dipendente e ha un’entrata fissa c’è un’elevata probabilità che possa pagare con gli interessi il prestito ricevuto a differenza dei lavoratori precari che quasi sicuramente si vedranno respinta la domanda di mutuo.

Cosa che potrà apparire strana a tutti coloro che fanno un altro tipo di considerazione: la banca non si tutela già dall’accensione di un’ipoteca a suo favore sulla casa acquistata e quindi chi non paga si ritrova senza un tetto? È vero, ma è altrettanto vero che affinché l’istituto di credito riesca a recuperare i soldi prestati ci possono volere anche anni. La casa deve essere venduta all’asta, ci sono le lungaggini processuali senza considerare le enormi spese. Motivi per i quali le banche preferiscono fare apriori un’attenta selezione.

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Alessandro Casta

Argomenti trattati: , ,

Lascia un Commento