Elettricità. Da gennaio 2017 al via “Tutela SIMILE”, quali vantaggi per i risparmiatori

Settore: energia
Data inserimento: 26 luglio, 2016

images (1)“Garantire ai clienti di minori dimensioni, attualmente in regime di Maggiore Tutela, l’opportunità di ‘sperimentare’ una forma di offerta più vicina a quelle del mercato libero”, al via da gennaio 2017 l’offerta di Tutela SIMILE.  La nuova fornitura è stata pensata dall’Autorità per l’energia elettrica come utile “strumento in grado di accompagnare il consumatore verso forme tipiche del mercato libero che sarà l’unica modalità di fornitura che rimarrà in vigore quando termineranno i regimi di Tutela di prezzo, il cui termine, attualmente, è previsto nel corso del 2018, ma sarà deciso dal ddl Concorrenza, in via di approvazione in Parlamento.
Nessun obbligo però scatta per i consumatori di minori dimensioni che si trovano, ancora, in regime di Maggiore Tutela che in realtà potranno scegliere eventualmente, via web,  di aderire al nuovo meccanismo transitorio. L’adesione alla Tutela Simile sarà possibile fino al termine della Maggior Tutela e l’offerta potrà essere proposta dai venditori del mercato libero, ma solo da quelli – si legge in una nota dell’Autorità – “ammessi al meccanismo, cioè in possesso di specifici requisiti, verificati inizialmente e monitorati trimestralmente, di solidità economica e finanziaria, di onorabilità e di natura operativa. I venditori dovranno, inoltre, aver servito almeno 100 mila clienti di energia elettrica o gas di piccola dimensione, o 50 mila soli elettrici, ed è previsto un numero massimo di clienti che il singolo fornitore potrà servire in Tutela Smile”.

Chi potrà sottoscrivere il contratto?  I consumatori ancora in Maggior Tutela o quelli che ne avrebbero diritto in caso di attivazione di una nuova fornitura o richiesta di voltura. “I clienti – si legge – potranno accedere alla Tutela Simile esclusivamente attraverso un portale web, gestito dall’Acquirente Unico nell’ambito del Sistema Informativo Integrato, che raccoglierà le offerte, mettendo il cliente in contatto diretto con il potenziale venditore, senza costi di intermediazione o di vendita a distanza. Il contratto standard, di durata annuale, redatto rispettando le condizioni minime definite dall’Autorità, avrà ad oggetto esclusivamente la fornitura di energia elettrica, senza ulteriori servizi”.

Altro vantaggio per il consumatore è che il prezzo applicato sarà del tutto confrontabile al prezzo del servizio di Maggior Tutela, entrambi aggiornati trimestralmente. Il risparmio di spesa del cliente in Tutela Simile sarà legato alla presenza di un bonus una tantum sulla prima fattura, definito da ciascun fornitore ‘ammesso’ per ogni tipologia di cliente (famiglie o piccole imprese). Per gli utenti, inoltre, ci sarà anche la possibilità di accedere alla Tutela Simile mediante l’intermediazione di soggetti ‘facilitatori’, con il compito di informare e semplificare l’accesso alla Tutela Simile attraverso il portale web, ruolo che potranno ricoprire le Associazioni dei consumatori o quelle di categoria della piccola media impresa.

Di Emiliana Avellino

 

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Emiliana Avellino

Lascia un Commento