Fatta l’Unione Europea, si faccia l’Unione Energetica

Settore: editoriali energia
Data inserimento: 2 dicembre, 2014

ener“Per affrontare sia la sfida della decarbonizzazione che quella della sicurezza energetica è necessario fare l’Unione Energetica”: questo è l’importante monito emerso dal report presentato dalla International Energy Agency sulle politiche energetiche europee. Un percorso quello del Vecchio Continente che appare ancora molto lungo e che necessita dell’integrazione dei mercati degli Stati membri affinché l’energia venga utilizzata con maggiore efficienza. Diverse le politiche che si sono mosse in tale direzione, che, però, hanno prodotto effetti solo nel nord-ovest dell’Europa, ma, al momento, come ha sottolineato l’Agenzia è necessario si realizzino nuove importanti interconnessioni, basilari per la realizzazione della rete europea e di conseguenza dell’Unione.

Dalla sicurezza energetica: l’UE, secondo la IEA, “deve diversificare i fornitori di gas e petrolio e non può permettersi di rinunciare a nessuna delle opzioni energetiche: nucleare, carbone, gas e petrolio non convenzionali dovranno tutti essere parte del mix energetico”; al pensionamento, nei prossimi 10 anni, di circa la metà della potenza nucleare del vecchio Continente: sono solo due delle sfide, elencate nel report, che i sistemi energetici europei dovranno affrontare.

Se i nodi da sciogliere sono vari le cose sembrano andare meglio per le politiche di riduzione delle emissioni e gli obiettivi al 2030, anche se l’Agenzia avverte che ora l’Unione deve creare la cornice legale per tradurli in pratica, “con regole di mercato per un sistema low-carbon”. Cosa per la quale viene richiesta una riforma dell’EU Emissions Trading Scheme e maggior supporto alle tecnologie a basse emissioni. Unione Energetica, dunque, ma non solo per l’IEA è essenziale che l’UE riesca ad ottenere il massimo dalla diversità delle sue fonti energetiche e quindi metta in comune le sue risorse sul mercato interno dell’energia, per migliorare sia la sicurezza energetica che la competitività delle proprie industrie.

Di Miriam Capuano

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Miriam Capuano

Lascia un Commento