Finanza, nasce Sestertium la piattaforma per investire al meglio i propri risparmi

Settore: banche
Data inserimento: 23 ottobre, 2015

sestertium_investitore_pcA quanti di voi è capitato di restare affascinati dal mondo della finanza e di guardare gli indici della borsa cercando di capirci qualcosa? Ad aiutarvi arriva ora un sito. Si chiama Sestertium ed è una startup messa a punto da un team italiano, nata da un’idea di Stefano Tonchia, professore ordinario di Innovation & Project Management all’Università di Udine. Non pensiate  vi servano dei soldi, per accedere alla piattaforma web non si paga, ci si iscrive gratuitamente e si possono, poi, scegliere e monitorare i propri investimenti. Sestertium  è adatta, dunque, ai principianti, a chi vuole giocare in borsa, ma anche agli esperti del settore in quanto gli consente di rafforzare la propria reputazione.

 Semplice il funzionamento della piattaforma web. Gli investitori o risparmiatori si iscrivono per cercare informazioni attendibili e sicure sui migliori investimenti da fare, scoprendo quali rendono di più nel tempo. La Piattaforma raccoglie tutte le conoscenze e le esperienze disponibili in rete, i portafogli d’investimento migliori sono visibili a tutti, e ciò consente agli utenti di usufruire di una serie di utili consigli su come investire da casa o tramite la propria banca. Se è utile per gli investitori, che siano esperti o meno del settore, la startup può rivelarsi sicuramente preziosa per i consulenti finanziari a cui offre la possibilità di mettersi alla prova per aumentare la propria autorevolezza tra nuovi e potenziali clienti, di mettersi in mostra e sfidarsi con altri esperti nel settore in una sorta di arene virtuali.

 I portafogli presenti sulla piattaforma web sono costituiti da azioni oppure da Fondi ETFs (sia azionari che obbligazionari, classificati per categorie) quotati alla Borsa di Milano. I dati sui titoli sono, dunque, tutti reali e ufficiali, forniti ad ogni fine giornata da Borsa Italiana. Una volta creati i propri portafogli, gli esperti possono aggiornarli nel tempo. Le classifiche e la composizione dei portafogli sono pubbliche: il risparmiatore può quindi seguire da spettatore le sfide dei consulenti finanziari, individuare i migliori portafogli per ciascuna classe di rischio (valutando rischi e opportunità di rendimento) e soprattutto utilizzare le informazioni per i propri investimenti.

Di Alessandro Casta

 

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Alessandro Casta

Argomenti trattati: , , ,

Lascia un Commento