Geniol, la super batteria made in Italy garantisce l’indipendenza energetica

Settore: energia
Data inserimento: 1 ottobre, 2015

batteriaÈ poco più grande di due scatole di pizza e pesa una trentina di chili per 3,1 KWh: Geniol, questo è il nome commerciale, è una super batteria per la casa ideata ed assemblata sotto il tetto di quello che una volta era la gigantesca fabbrica di IBM a Vimercate (MB), nei laboratori di Genport – spin off del Politecnico di Milano, attualmente tra le realtà più avanzate nella ricerca e produzione di sistemi di generazione e accumulo di energia.  Alimentabile con l’impianto fotovoltaico o mini-eolico, l’innovativo prodotto permette di accumulare energia durante la giornata per garantire l’autoconsumo, l’indipendenza dalla rete elettrica e assicurare le migliori prestazioni grazie ad un software di diagnostica e controllo via web.

Costi e funzionamento. Geniol ha superato tutti i test 10mila cicli di carica/scarica, è ricaricabile da tutte le fonti rinnovabili ed è modulare. Il sistema parte dai 3 KWh fino a 12,4 KWh e 6 kW, ma possono essere raggiunte capacità superiori collegando via internet diverse batterie. Per quanto riguarda il costo l’obiettivo è quello di raggiungere un prezzo sul mercato inferiore ai 300 euro al KWh. Semplice l’istallazione: sarà sufficiente l’intervento di un qualunque elettricista che collegherà il cavo della batteria all’inverter con un sistema plug&play e connetterà l’apparecchiatura via internet al sistema di controllo di Genport. Bastano pochi istanti, dunque, perché il sogno dell’indipendenza energetica sia raggiunto.

Il sistema innovativo, completamente made in Italy, è pronto per essere lanciato sul mercato mondiale. Eh sì, perché se in Italia le normative tecniche di certo non spianano la strada e non ci sono certezze sugli incentivi per questa nuova tecnologia oltre Alpi, in Germania, ma anche in California ed in Australia l’applicazione di questi sistemi sta letteralmente esplodendo. Dunque, almeno per il momento sembra che a giovare di questo prodotto saranno, come spesso accade, altri Paesi, eppure  la nostra Nazione ha un gran bisogno di sistemi di accumulo che le consentano di sfruttare l’immensa quantità di energia prodotta da fonti rinnovabili; ma bisogna attende che l’Europa imponga un cambio regole. Il video realizzato dal CorriereTv.

 

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Emiliana Avellino

Lascia un Commento