In Giappone apre il primo negozio gestito da robot

Settore: new trends
Data inserimento: 4 febbraio, 2016

pepperUn negozio di telefonia gestito da robot? Altro che fantascienza, stando al giornale Japan Times, il punto vendita aprirà, a Tokyo, dal 28 marzo al 3 aprile. Nello staff? Un unico commesso in carne ed ossa, che verificherà l’identità dei clienti prima della sottoscrizione di un contratto telefonico, poi ci saranno 5 o 6 Pepper, gli umanoidi lanciati, nel giugno scorso, dall’azienda di telecomunicazioni  tlc Softbank.Alti 121 centimetri e dalle sembianze umane, i robot saranno in grado di dare il benvenuto ai visitatori, di mostrare loro gli smartphone e di aiutarli nell’acquisto.

 Caratteristiche di Pepper. Gli umanoidi non sono semplici androidi, hanno la capacità di analizzare gesti e toni di voce e di capire, quindi, le emozioni umane. L’obiettivo del colosso softbank è ora quello di renderli maggiormente intelligenti grazie a una partnership con Ibm relativa al software di intelligenza artificiale Watson con cui potrà acquisire più velocemente nuove conoscenze. Intanto, i simpatici robottini  hanno già dimostrato di saper stare alla reception di un hotel e di saper intrattenere i bimbi con canti e giochi educativi. Non a caso la versione ‘business’ di Pepper è già in uso in circa 500 compagnie, tra cui Nestlé e la banca Muzuho.

Per il momento, però, Pepper parla solo giapponese. Non è, infatti, ancora uscito dai confini nipponici anche se si conta che proprio nel 2016 possa essere lanciato sul mercato internazionale. Il valore è al momento di 1600 dollari e se  Softbank ha appena annunciato che lancerà un negozio di app per creare un ecosistema software dedicato al robottino, non si esclude che in futuro se ne possa incontrare uno in un negozio italiano.

Di Alessandro Casta

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Alessandro Casta

Argomenti trattati: , , ,

Lascia un Commento