Partite Iva, nuove misure agevolate per giovani professionisti e start-up

Settore: banche Buono a sapersi
Data inserimento: 29 settembre, 2015

fisco2 (1)Buon notizie potrebbero presto arrivare per il “popolo che lavora a Partita Iva”, per i piccoli e giovani professionisti spesso tassati in modo spropositato rispetto ai guadagni.  Nella legge di Stabilità in preparazione, infatti, il Governo starebbe valutando una semplificazione delle misure, considerando una serie di novità sulla tassazione del regime dei minimi per le Partite Iva, così da favorire sia i piccoli professionisti,  sia chi inizia una attività o una start up. Un ulteriore passo dell’Esecutivo,  che, già l’anno scorso, aveva prorogato fino al 31 dicembre 2015, per chi decideva di aprire una Partita Iva, la possibilità di aderire al vecchio sistema con applicazione del regime fiscale agevolato al 5%. Una decisione che ha fatto registrare, quest’anno, un aumento delle Partite Iva, inizialmente minacciato dall’annuncio di triplicare l’aliquota dal 5 al 15%.

Segnali favorevoli sono arrivati dal viceministro dell’Economia, Luigi Casero, che al Corriere della Sera ha  spiegato che «esiste la necessità» di rivedere il regime forfettario dei minimi. «Si sta valutando – ha chiarito Casero- la possibilità di alzare da 15 a 30 mila euro il tetto di ricavi per i liberi professionisti e per i primi 5 anni di attività delle start up l’aliquota scenderà dal 15 al 5%». Una manovra che renderebbe il regime fiscale di nuovo accessibile ai liberi professionisti e soprattutto risulterebbe vantaggiosa per coloro che intendono aprire nuove attività.

Se andasse in porto la nuova misura, a beneficiarne, secondo il Dipartimento Finanze del Mef, sarebbero quasi 1 milione e 800 mila lavoratori che sulle dichiarazioni del 2014 hanno riportato un volume d’affari sotto i 30 mila euro. Una semplificazione di cui gioverebbero anche le piccole attività commerciali pressate dai costi diretti e indiretti degli adempimenti burocratici. Proprio pensando a queste imprese e ad i privati cittadini l’obiettivo del Governo sarebbe quello di creare un vero e proprio tax day unico.

Di Alessandro Casta

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Alessandro Casta

Argomenti trattati: , , ,

Lascia un Commento