Pellet, ecco come risparmiare. Intanto con la Legge di Stabilità l’Iva potrebbe tornare al 10%

Settore: energia
Data inserimento: 10 novembre, 2015

pelletBuone notizie potrebbero presto arrivare, grazie alla Legge di Stabilità 2016, per coloro che utilizzano il pellet per riscaldarsi; la norma, attualmente in esame al Senato, potrebbe, infatti, ripristinare l’aliquota Iva ridotta al 10% per le cessioni di pellet, che la Legge di Stabilità 2015 aveva elevato al 22%. Un risparmio che, per i consumatori italiani di pellet, di sicuro non è trascurabile né irrilevante dal momento che il nostro Paese è primo a livello mondiale per consumo di pellet per il riscaldamento, con circa 3 milioni di tonnellate annue.

Una richiesta considerevole, di cui il 96%, circa 2,7 milioni di tonnellate nel 2014 sono state usate nel settore residenziale, l’81% nelle stufe, il 15% nelle caldaie domestiche e il 4% in quelle commerciali, che il Bel Paese non riesce, però, a fronteggiare per questo motivo siamo i primi importatori al mondo di pellet, con oltre 2,5 Mt/anno. A fornire agli italiani questo combustibile legnoso sono soprattutto l’Austria e la Germania, ma attualmente sono in aumento le importazioni via nave da USA e Canada, modalità che consente di garantire prezzi più omogenei lungo tutto lo stivale.

Quando conviene acquistare il pellet. Il periodo migliore per comprarlo è quello estivo, mentre nei mesi di maggior consumo ovvero tra ottobre e gennaio il prezzo tende a salire. In ogni caso i prezzi possono oscillare tra i  3,60 euro al sacco (15 kg di pellet certificato), nel periodo primavera-estate, ai 4/4,20 euro nel periodo autunno-inverno. In ogni caso riscaldarsi con questo combustile legnoso conviene: per un appartamento di circa 75 metri quadri in Pianura Padana, si stima servano 1-1,2 tonnellate/anno di combustibile per una spesa che varia tra 250 e 280 euro se utilizzato in modo prevalente. Per questo motivo, se l’aliquota Iva fosse ridotta al 10% i consumatori registrerebbero un ulteriore risparmio.

Di Laura Pinto

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Laura Pinto

Lascia un Commento