RcAuto. Attestato di rischio e classe di merito, nuove regole dell’Ivass

Settore: assicurazioni
Data inserimento: 30 aprile, 2018

rc-auto-nuova-assicurazioneL’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni ha definito nuove regole per l’attestato di rischio dinamico e per la classe di merito di conversione universale. “Il primo provvedimento – si legge nella nota stampa – consente di valutare con maggiore precisione la sinistrosità dell’assicurato in quanto l’attestato di rischio terrà conto anche dei sinistri pagati a ridosso o dopo la scadenza del contratto, anche laddove l’assicurato abbia cambiato compagnia”.

Cosa cambia? Se in passato i sinistri pagati fuori dal periodo di osservazione o dopo la scadenza del contratto, non concorrevano a valorizzare la corretta sinistrosità dell’assicurato, quando questi cambiava compagnia di assicurazione alla scadenza della polizza. Adesso, tramite il nuovo processo informatico introdotto, le imprese hanno la possibilità di aggiornare la posizione di rischio relativa a un assicurato con i movimenti derivanti da tutti i sinistri, compresi quelli pagati parzialmente, anche al di fuori del periodo di osservazione o comunque dopo la scadenza di contratto, e anche quando il cliente cambia impresa. L’obiettivo del provvedimento è quello di eliminare comportamenti elusivi o fraudolenti, a beneficio degli assicurati virtuosi.

Il secondo provvedimento, invece “chiarisce– continua il comunicato – dubbi interpretativi della normativa vigente, che determinavano disparità di trattamento nei confronti degli assicurati tra le diverse compagnie, e introducono benefìci a favore di talune categorie di assicurati, in precedenza trascurate (ad es. veicoli intestati a portatori di handicap, a conviventi di fatto e uniti civilmente, veicoli oggetto di leasing)”. Per maggiori informazioni consultare  i provvedimenti dell’Ivass.

facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmailby feather
Autore: Alessandro Casta

Argomenti trattati: , , ,

Lascia un Commento